Cos'è LIA

LIA-Libri Italiani Accessibili è un servizio creato per aumentare la disponibilità sul mercato di titoli di narrativa e saggistica accessibili per le persone non vedenti e ipovedenti.

Mettendo a frutto le potenzialità del digitale, LIA ha attuato un modello, basato sull’utilizzo di standard internazionali, che consente di spostare a monte la produzione di ebook accessibili e di integrarla nei normali flussi produttivi e distributivi editoriali al fine di offrire ai non vedenti e agli ipovedenti un numero sempre maggiore di titoli accessibili.

Per offrire un punto di accesso agli ebook accessibili, LIA ha creato una vetrina online navigabile in autonomia dai disabili visivi. Sulla vetrina LIA è possibile sfogliare l’intero catalogo degli ebook accessibili degli editori che aderiscono a LIA (per approfondire leggi Editori aderenti, fare una ricerca per genere, autore o titolo, selezionare i titoli di interesse, consultare la scheda libro, salvare un titolo tra i preferiti oppure inserirlo nel carrello per procedere poi all’acquisto su una delle librerie integrate alla vetrina LIA (per approfondire Dove trovare gli ebook LIA).

La vetrina LIA è infatti integrata con le piattaforme di e-commerce delle librerie online che aderiscono al servizio, ma non gestisce le transazioni di acquisto, che restano invece di esclusiva pertinenza della libreria online su cui l’utente decide di concludere l’acquisto.

I prezzi indicati sulla vetrina LIA sono i prezzi di copertina presenti nel catalogo degli e-book in commercio e non tengono conto dei possibili sconti o promozioni che le singolo librerie online possono applicare. Pertanto è possibile che si verifichino delle variazioni tra il totale indicato sulla vetrina LIA e quello riportato dalla libreria su cui l’utente conclude l’acquisto.

Nella sezione Come leggere sono disponibili informazioni sugli ebook e su quali dispositivi, software e applicazioni di lettura accessibili utilizzare per leggerli.

Il Catalogo LIA è un servizio della Fondazione LIA, realizzato dall'Associazione Italiana Editori in collaborazione con l'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.